31 gennaio 2014

2 febbraio Conversione di San Camillo

Quest’ anno le celebrazioni della conversione di San Camillo che si svolgono a Manfredonia e San Giovanni Rotondo, in Puglia, sono particolarmente solenni a motivo dell’ anno giubilare camilliano che stiamo celebrando. 

Le celebrazioni avranno notevole rilievo sul piano mediatico grazie ad alcune emittenti televisive e testate giornalistiche. È una preziosissima opportunità per far conoscere ancor più San Camillo e il suo messaggio di misericordia verso i malati.

Siamo certi che anche i fratelli ammalati e sofferenti trarranno grande beneficio nel seguire in tv i vari appuntamenti, a cui potranno essere presenti con la preghiera e con l’ascolto, seppur non fisicamente
Siamo grati ai responsabili delle testate e agli operatori dell’informazione che hanno dato la loro pronta disponibilità a coprire l’evento, e ci auguriamo una risposta significativa da parte di tutto il mondo camilliano.

tv2000TV2000: Sabato 1 Febbraio, ore 19:40 Celebrazione della  paraliturgia  alla “Valle dell’Inferno” per la Commemorazione della Conversione di San Camillo
Canale 28 Digitale Terrestre. 138 Sky e canale 18 di TvSat


telepaceTelePace: Sabato 1 febbraio alle ore 22.30 e domenica 2 febbraio alle ore 12.50 e 18.00  Speciale dedicato alla Conversione di San Camillo e al mondo Camilliano

Canale 515 del Digitale Terrestre e di Sky

Tele Padre Pio: Sabato 1 febbraio, alle ore 20:45, diretta del santo Rosario – meditato con gli scritti di san Camillo – dal santuario di Santa Maria delle Grazie in San Giovanni Rotondo . Animeranno i Religiosi Camilliani
telepadrepioDomenica 2 febbraio alle ore 11:30, servizio sulla designazione della Valle dell’inferno quale luogo spirituale dell’indulgenza plenaria, come annunciato da Sua Ecc. Monsignor Castoro
                                                                                                                          Canale 145 Digitale Terrestre e 852 di Sky

avvenireAvvenire: sul quotidiano Avvenire Domenica 2 febbraio sarà pubblicata una pagina speciale dedicata alla conversione di san Camillo e al IV Centenario della sua salita al cielo

Presso dal sito:
 http://www.camilliani.org/2-febbraio-conversione-di-san-camillo-seguiteci/

22 gennaio 2014

Papa Francesco:“Mi unisco alla Marcia per la Vita a Washington con le mie preghiere"

Papa Francesco ha lanciato oggi un tweet in coincidenza con la 41.ma Marcia per la Vita in programma a Washington, che ricorda la sentenza con cui la Corte Suprema legalizzò l’aborto negli Stati Uniti nel 1973. Questo il testo del Papa: “Mi unisco alla Marcia per la Vita a Washington con le mie preghiere. Possa Dio aiutarci a rispettare ogni forma di vita, in particolare i più vulnerabili”.

INDIA: Un sogno realizzato nuova casa a Kuzhinilam – Mananthavady

Questa è l’opera del Signore, una meraviglia ai nostri occhi.
La nostra prima casa in India costruita nell’anno 1972 a Thariode, oggi con 63 bambine handicapate assistita da 8 suore e 8 sorelline. 
A causa di una diga questa casa è quasi in pericolo, perchè nel tempo di pioggia l’acqua arriva fino al cortile; allora la nostra Rev.ma Madre ha fatto iniziare una nuova sede a Mananthavady, Luoisgiri, dove avevamo un pò di terreno. 
 Foto del 2011: per ricordare clicca sopra la foto e vedrai il post di riferimento
(alla fine dei post con il titolo: Terza Settimana missionaria)

I’08 settembre 2011, è stata benedetta la Prima Pietra dal Vescovo di Mananthavady, Sua Ecc.za, Molto Rev.do Jose Porunnedom, cosi ha dato inizio alla costruzione della nuova casa. 

Durante questo periodo di costruzione si innalzava la preghiera verso il Signore da tutte le sorelle della Provincia, affinchè tutto  proceda bene secondo il piano del Signore.
Questa casa di Kuzhinilam – Mananthavady è un progetto desiderato  da tanti anni e si è realizzato quest’anno con l’aiuto dei tanti benefattori
Il 28 dicembre 2013, la casa è stata benedetta dal Vescovo di Mananthavady ed è stata inaugurata dalla Superiora Provinciale, Sr. Grace Karukapallil. In questa bella occasione erano presenti: il Prelato dei Padri Norbertini, i Padri Camilliani, i sacerdoti diocesani, religiosi e religiose delle diverse congregazioni, la gente del paese e un gruppo delle nostre sorelle delle diverse comunità.
Per dare l’inizio alla celebrazione, le nostre bambine handicapate hanno ricevuto il Vescovo con la banda.
Dopo la concelebrazione della S. Messa, c’è stata una riunione col publico, dove le nostre bambine handicapate hanno potuto dimostrare i loro talenti nascosti con le danze.
 Superiora Provinciale Sr. Grace processione della Bibbia
 Benedizione della lampada
La casa nuova è una scuola speciale il quale è stata riconosciuta dal governo del Kerala, dove offriamo la possibilità di far crescere le loro capacità, affinchè possano vivere con serenità e dignità umana.
Seguendo l’insegnamento del nostro Fondatore: “Come vere Figlie di S. Camillo, dovete
primeggiare nella carità tra di voi altre prima di tutto e poi verso gli altri, sopratutto verso i poveri infermi.....” camminiamo insieme unanimamente con un cuor solo e un’anima sola verso l’alta montagna della santità. 
Per tutto rendiamo grazie al Signore!

19 gennaio 2014

Messaggio dei Superiori maggiori e delegati dell’Ordine camilliano

SAMSUNG CAMERA PICTURES 

Carissimi confratelli e membri della grande famiglia di San Camillo,
Noi, i rappresentati dell’Ordine dei Ministri degli Infermi, durante un’assemblea tenutasi a Roma dal 12 al 15 gennaio, svoltasi in un clima di preghiera, di dialogo e di schietto e fraterno confronto, abbiamo riflettuto sulla vicenda che ha coinvolto il nostro Superiore generale. A conclusione del raduno, desideriamo comunicarvi che all’unanimità abbiamo deciso che è opportuno fare un Capitolo generale.
Per fare ciò l’attuale Superiore Generale, che dal 16 gennaio non si trova più in carcere ma agli arresti domiciliari, dovrà dimettersi. Per questa ragione abbiamo scritto un appello a padre Renato,  firmato da noi tutti, nel quale – senza esprimere nessun giudizio sulla sua persona – chiediamo le sue dimissioni per facilitare il verdetto della giustizia, per rendere l’Ordine libero di continuare il proprio cammino e per il bene della Chiesa.
Vogliamo, inoltre, esprimere la nostra sincera gratitudine al Santo Padre perché, da subito,  attraverso i rappresentanti della Sacra Congregazione per i Religiosi, ci ha offerto vicinanza, sostegno e consigli per superare quanto prima questa situazione di difficoltà.  Noi tutti  vi  siamo grati per la solidarietà e la preghiera che ci dimostrate ogni giorno. Siamo certi che San Camillo non mancherà di proteggere il suo Istituto, in modo particolare nel corso di questo anno giubilare camilliano.
Un caro e fraterno saluto accompagnato da sentimenti di profonda gratitudine.
La Consulta Generale, i Superiori Maggiori e i Delegati dell’Ordine dei Ministri degli Infermi

18 al 25 gennaio Settimana per l'Unità dei cristiani. "CRISTO NON PUO' ESSERE DIVISO"

Quest'anno il commento al tema della Settimana per l'Unità dei cristiani è opera dei cristiani del Canadà. "Noi canadesi viviamo in un paese contrasegnato da diversità di linguaggio, di cultura, e persino di clima, e incarniamo la diversità anche nelle espressioni di fede cristiana. Il fatto di vivere in questa variteà, ma anche di essere fedeli al desiderio di Cristo per l'unità dei suoi discepoli, ci ha portati a riflettere sulla categorica affermazione di Paolo nella Prima Lettera ai Corinzi: "Cristo non può essere diviso!". Con fede anche noi asseriamo, eppure le nostre comunità continuano a dare corpo a scandalose divisioni. La Prima lettera ai Corinzi richiama l'attenzione sul modo in cui possiamo valorizzare e ricevere i doni degli altri anche ora, nel nostro stato di divisione, e ciò stesso costituisce un incoraggiamento nel lavoro per l'unità." 
(Dalla guida 2014 per la Settimana dell'Unità dei Cristiani).

Letture per la settimana:
 TERZO GIORNO (20) Insieme... non manchiamo in nessun  dei doni spirituali. Giobbe 28, 20-28 - Salmo 145/144,10-21 - Efesini 4,7-13 - Mc 8,14-21
QUARTO GIORNO (21) Insieme... proclamiamo che Dio mantiene le sue promesse.
Lamentazioni 3,19-26 - Salmo 57/56,8-12 - Ebrei 10,19-25 - Lc 1,67-75
QUINTO GIORNO (22) Insieme... siamo chiamati alla comunione.
Isaia 43,1-7 - Salmo 133/132,1-4 - 1 Gv 1,3-7 - Gv 15,12-17
SESTO GIORNO (23) Insieme.. cerchiamo di essere uniti.
Giudici 4,1-9 - Salmo 34/33, 10-15 - 1 Cor 1, 10-15 - Lc 22,24-30
SETTIMO GIORNO Insieme... apparteniamo a Cristo.
Isaia 19,19-25 - Salmo 139/138, 1-12 - ! Cor 12,12-26 - Mc 9, 38-41
OTTAVO GIORNO Insieme... proclamiamo il Vangelo. 
Isaia 61,1-4 - Salmo 145/144,1-7 - 1Cor 15,1-8 - Lc 4,14-21  Conversione di San Paolo apost. 

14 gennaio 2014

Fratel Carlo: Per la prima volta parla al Tg2 il portavoce dei Camilliani

Ieri sera, nell’edizione serale del Tg2, è andata in onda un’intervista trasmessa dalla casa generalizia dei Camilliani. Si è parlato delle recenti vicende che hanno interessato l’Ordine, nella bufera dopo l’arresto del Superiore generale padre Renato Salvatore.
“Anche noi siamo vittime di chi doveva aiutarci a sanare alcune situazioni e invece ha fatto il contrario”, ha detto il Camilliano fratel Carlo Mangione. “Per non parlare della nostra immagine sporcata e del disorientamento all’interno del nostro Istituto, specie da parte dei più anziani”.
“Adesso – ha concluso – vogliamo la verità su quello che è successo e la pulizia voluta anche da papa Francesco”. Lucio Brunelli, autore del servizio, ha ricordato che I Camilliani sono presenti in quaranta Paesi del mondo con le loro benemerite azioni, e ora sono desiderosi  di voltare pagina.
L’intervista, ripresa anche dal blog Il sismografo, ha suscitato grande interesse e riscontro sul sito del Tg2 e sui social network.

Cliccate nel sito di sotto per collegarti

 http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-a085b455-9789-496b-bada-4005f286b81f-tg2.html


Rassegna stampa del sito camilliani.org:

http://www.camillodelellis.org/category/rassegna-stampa/

11 gennaio 2014

Battesimo del Signore Gesù



Dalla Liturgia delle Ore
Dai «Discorsi» di san Massimo, vescovo di Torino
(Disc. 100 sull\'Epifania, 1-3; CCl 23, 398-400)
I sacramenti del Battesimo del Signore

Il Vangelo racconta che Gesù venne al Giordano per farsi battezzare e in quel fiume volle essere consacrato con prodigi celesti. La ragione esige che questa festa segua quella del Natale del Signore, perché i due eventi si verificano nel medesimo tempo anche se a distanza di anni. Ecco perché ritengo che la festa si debba chiamare anch'essa Natale.
Nel giorno che diciamo Natale egli nacque tra gli uomini, oggi è rinato nella manifestazione divina; in quel giorno nacque da una vergine, oggi è generato nel mistero. Prima, nascendo alla maniera degli uomini, viene stretto al seno da Maria; ora generato secondo il mistero, è avvolto dalla voce del Padre che dice: «Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto. Ascoltatelo» (Mt 17, 5). La Madre accarezza dolcemente il piccolo sul suo grembo, il Padre offre al Figlio un'amorosa testimonianza; la Madre lo presenta ai magi perché l'adorino, il Padre lo rivela ai popoli perché gli rendano onore.
Oggi dunque il Signore Gesù venne al battesimo e volle che il suo corpo santo fosse lavato dall'acqua. Ma qualcuno potrebbe chiedere perché egli che è santo volle essere battezzato. Ascolta perché: Cristo non volle esser battezzato per esser santificato dalle acque, ma per santificarsi lui stesso sì che, mentre ne veniva purificato, fosse lui a purificare quelle acque che toccava. La consacrazione di Cristo è consacrazione maggiore dell'elemento acqua. Mentre viene lavato il Signore, già allora viene purificata tutta l'acqua per servire al nostro battesimo e viene resa pura la fonte perché la grazia del lavacro sia distribuita in seguito ai popoli futuri. Cristo dunque si offre al battesimo precedendoci, perché i popoli cristiani gli tengano dietro con fiducia.
Penetro nel mistero: in questa prospettiva la colonna di fuoco precedette i figli di Israele attraverso il Mar Rosso perché essi affrontassero intrepidi il cammino: avanzò per prima attraverso le acque per preparare il passaggio dietro di sé a quelli che seguivano. Questo fatto, come dice l'Apostolo, fu il segno del battesimo. In certo modo fu un vero battesimo in cui la nube copriva gli uomini, le acque li portavano. Ma tutto questo lo compì il medesimo Cristo Signore il quale, come allora precedette attraverso il mare i figli di Israele nella colonna di fuoco, così ora nella colonna del suo corpo, per usare la stessa immagine, precede nel battesimo i popoli cristiani. La colonna, dico, che allora fece luce agli occhi di quelli che seguivano, ora offre luce ai cuori di quelli che credono; allora fu aperta una via sicura tra le onde, ora sono resi sicuri i passi nel lavacro della fede.

8 gennaio 2014

Grottaferrata: 1° Corso di Vita Cristiana CVC 2014

Dal 03 al 06 gennaio nella Casa Diocesana "Villa Campitelli" abbiamo partecipato al Corso di Vita Cristiana insieme ai giovani di differente parrocchie della diocesi. Guidati da Don Orlando parrocco di San Pio X, come direttore spirituale e da Grazia come rettore del gruppo.
Giovani che evangelizzano altri giovani e la gioia di condividere esperienze di vita.
Ombrello giallo, per vedere sempre il sole nonostante la pioggia e tutti l'ombrelli neri!!!
UNITI IN CRISTO....
... SEMPRE PIU' IN ALTO