26 giugno 2012

Pellegrinaggio di Casoria

Con grande gioia abbiamo accolto le nostre sorelle che svolgono la loro missione nel Presidio Ospedaliero "Maria SS. della Pietà" di Casoria, insieme agli amici e devoti dei nostri Beati Fondatori. Hanno partecipato alla Santa Messa, celebrata da P. Vincenzo, camilliano e, prima della benedizione finale, è stata dedicata alle nostre sorelle questa bellissima poesia.

A Suor Lidia e Suor Ernesta:
"In questa Chiesa splendida
davanti a San Camillo
venivano a volte a chiedere
un lume negli affanni
Lidia dalla collina bresciana
ed Ernesta la nostrana...
Nei cuori come fremito
sentivano un gran richiamo:
lasciare tutto ed intrepide
partire come Abramo...
negli occhi avevano il sole,
il portamento vigile
e le labbra come viole.
 
Un giorno più del solito, 
davanti a San Camillo
fecero una preghiera
e salutati gli intimi
partirono con la corriera...
Come le colombe giovani
il primo volo è incerto,
ma poi nell'aria libera
fecero la loro scoperta...
...Sarebbe impresa ardua
raccontar tutta la loro storia,
son tante le loro opere
d'amore e di dolore...
Grazia sorella Lidia
Grazia sorella Ernesta!!
Dal vostro esempio
avete messo nel nostro cuore
un fremito d'amore...
amore che scalda e che mai muore. 
Gigi 2012 (Coscione Napoli)



Guarda il video
video

20 giugno 2012

Notizie dal Portogallo

Visita della nostraMadre alle sorelle
 
Grazie Araceli per questo bellissimo servizio. A presto più foto!!...

Conferimento del Ministero del Lettorato


A due nostri confratelli camilliani: Umberto D'Angelo e Germano Santone la domenica scorsa é stato conferito il Ministero del Lettorato, nella Chiesa di Sant'Urbano, a Bucchianico paese natale dei due giovani che seguono le orme del Santo della Carità, Camillo de Lellis.
 





Dopo la proclamazione del Vangelo il Parroco Padre Mario, ha chiamato i candidati al ministero di lettore...

...supplicando a Dio Padre la benedizione per Germano e Umberto perché nel fedele compimento del loro ufficio annunzino il Cristo e diano gloria al Padre che è nei cieli"...
 
"...benedici questi tuoi figli eletti al ministero di lettori. Fa che nella meditazione assidua della tua parola ne siano intimamente illuminati per diventare fedeli annunziatori ai loro fratelli..."

"...Ricevi il libro delle Sante Scritture e trasmetti fedelmente la parola di Dio, perché germogli e fruttifichi nel cuore degli uomini..."





Signore, ti affidiamo Umberto e Germano, rendili degni della grazia che li hai concesso per il servizio alla Chiesa, che siano attenti alla parola, perseveranti nella fede, ferventi nella carità, con un cuore di madre per tutti. 
Tu, che hai guardato con benevolenza la tua Chiesa di Bucchianico e l'hai benedetta con il dono di vocazioni religiose, fa che cresca nella consapevolezza della sua missione fra gli uomini.

19 giugno 2012

Nello stesso tempo il suo cuore visita la Germania...


IN PELLEGRINAGGIO PER VEDERE IL CUORE DI SAN CAMILLO
AD ESSEN IL 26 MAGGIO 2012
Il cuore di San Camillo sta compiendo un viaggio nel mondo in occasione del prossimo quattrocentesimo anniversario della sua morte ed ha visitato la Germania dal 18 maggio al 1° giugno 2012.
Non volevamo certo trascurare quest’occasione unica e quindi, il sabato vigilia di Pentecoste, in un autobus pieno al completo, ci siamo recati ad Essen-Heidhausen, nella Casa madre dei Camilliani tedeschi.
Pregando e cantando, dopo un percorso di un´ora e mezza, siamo giunti al nostro traguardo. Pellegrinare significa cercare la via profonda, la via di un´esperienza religiosa, cercare Dio e se stessi.

San Camillo ha fatto la sua esperienza di conversione nell’incontro con il Signore che gli ha indicato la via, che peraltro era giunta inaspettata.
Cercare quello che è nuovo ed aprirsi a quello che arriva insperato, ecco la caratteristica del pellegrino!
Giunti ad Essen, i pellegrini hanno assistito ad una Messa solenne in onore di San Camillo. Padre Weber ha definito il Santo un esploratore che ha scoperto non soltanto il nuovo mondo, ma Gesù Cristo negli infermi. Papa Benedetto XIV che ha canonizzato Camillo nel 1746, lo ha chiamato “il fondatore di una nuova scuola dell´amore”.
Il cuore di San Camillo è una fonte di forza per tutti coloro che si rivolgono a lui nella sofferenza e nella malattia, di questo si sono accorti tutti coloro che si sono inginocchiati davanti al cuore del Santo, chiedendo la sua intercessione.
E così come eravamo partiti, siamo rientrati ad Asbach, pregando, cantando e ringraziando il Signore di averci donato San Camillo ed una giornata così bella. 
Ringraziamo per il servizio alla nostra cara Maria!